Loading ...
Sorry, an error occurred while loading the content.

[furt-l] Carlo Maria Giulini, 9.V.1914 - 15.VI.2005

Expand Messages
  • Giacomo Ponzetto
    From La Stampa (Turin, Italy) -- my unprofessional translation and Italian original. The great conductor dies at 91 GIULINI, THE SUBLIME SERVANT A lesson in
    Message 1 of 5 , Jun 16, 2005
    • 0 Attachment
      From La Stampa (Turin, Italy) -- my unprofessional translation and Italian
      original.

      The great conductor dies at 91
      GIULINI, THE SUBLIME SERVANT
      A lesson in elegance and rigour, and the ability to say no

      16 June 2005

      by Sandro Cappelletto

      He always repeated it, with conviction: I am above all a servant. A servant
      of the geniusese who created the music that we are now making together,
      with an act of love, you in the orchestra and I with you from the podium.
      What a mystery: «The conductor is the only musician who does not hold an
      instrument, and yet ...»
      And yet this moderation of his, comprising an inflexible, natural elegance
      and a rare perception of the totality of a work in the continuity of its
      development, turned the self-professed humility into the quality of a
      leader. Into the mark of a gentle yet strong, unforgettable charisma.
      Carlo Maria Giulini died yesterday morning, in Brescia, where he had been
      hospitalized for some time. He was born in Barletta on May 9, 1914; he will
      be buried today in Bolzano, next to his dearly beloved wife, who had
      suffered greatly. Tomorrow the Teatro del Maggio Musicale Fiorentino will
      dedicate to him the premiere of Musorgskij's Boris Godunov. When, exactly
      ten years ago, Arturo Benedetti Michelangeli died, on the front page of La
      Stampa Giulini wrote an article that was in fact a letter: he told the
      great pianist what a shared reserve had prevented from coming to the light
      before; his admiration, his fondness, his joy for the - few, he regretted -
      concerts given together, the reproach to himself for not having insisted
      more, at the time. It was an exemplary portrait, of the one and the other,
      because in these two gigantic interpreters-creators lived the same nobility
      towards their craft. The rigour in studying, the prevalence of being over
      appearing a musician, the ability to say no.
      How many times Giulini had found the words to say so, once and for all in
      the seventies to opera, when the changed conditions of production - greater
      haste, over-booked singers - had made attainment of the uncompromisable
      quality haphazard. Between doing badly and not doing, the artist's rigour
      admitted no hesitation. He could withdraw, refuse: this attitude of his
      remains necessary. The star system he considered ridicuolous, painful.
      At the Conservatorio di Santa Cecilia in Rome he studied viola and
      composition; he played under, among others, Otto Klemperer and Bruno Walter
      [and Wilhelm Furtwaengler too if I remember correctly], then he went on to
      study conducting with Bernardino Molinari; he was spared deportation to
      Germany by a music-loving German officer. After the war, he was principal
      conductor of the Orchestra Sinfonica di Milano della Rai and in 1948, in
      Bergamo, he first conducts Traviata: Toscanini likes him and three years
      later he has his debut at La Scala with Manuel De Falla's La Vida Breve,
      and he becomes Victor de Sabata's assistant. It is a balm for the heart, in
      this difficult moment for Milan's theatre, to recall the great conductors
      who led it and served it in the past.
      Giulini was not exactly a believer in the quality of the twentieth century
      in music: he liked to set rather precise time boundaries, and it was not
      always with pleasures that he ventures beyond the Hercules' columns
      represented by Brahms. Which did not prevent him from conducting the
      premieres of, among other works, the Concerto dell'Albatro by Giorgio
      Federico Ghedini, Goffredo Petrassi's Eight Concerto, Boris Blacher's Poem.
      He fiercely opposed the gratuitous, excessive liberties taken by some
      directors, yet in the fifties he was on the podium in London's Covent
      Garden for Luchio Visconti's Don Carlos, and later he worked with Franco
      Zeffirelly for Falstaff, thereby sharing the first Italian experiences of
      «directors' opera», which attained a marvellous balance of music, singing,
      apt efficacy of stage action. In his Mozart conduction this balance became
      grace.
      Giulini's talent was immediately recognized, at a time when - more than
      today - the young were trusted and needed, and there was less submission to
      the blackmailing fascination of the established figures, listened to over
      and over again.
      He had his debut at the Maggio Musicale, he conducted the Orchestra Rai di
      Roma, the Philharmonia in London, he began his long American adventure, in
      Chicago and Los Angeles, interrupted by a brief Viennese period. And he was
      a regular presence with the Filarmonica della Scala.
      He loved teaching, first at the Accademia Chigiana di Siena, then accepting
      an invitation from Piero Farulli - a fellow violist - to the Scuola di
      Musica di Fiesole, where the chair of conducting now, and forever, bears
      his name. He sent to his pupils and to the students in the orchestra the
      scores with his annotations, he was invariably on time, focused, kindly
      firm if he was not convinced by an attack, or if a phrasing seemed slack;
      his manners were old-fashioned: «Gentlemen, would you please restart from
      bar...» One could have heard a pin drop, all understood the maestro's
      generous gift and he enjoyed the ductility, the openness that young
      musicians sometimes possess in excess of their more mature colleagues.
      Tall, slender, elegant in his well-tailored suits and cashmere overcoat,
      before class on Sunday he would listen to the football match on the radio,
      with a burning passion for the Old Lady [i.e. Juventus].
      He had retired from conducting a few years ago; in spring 2003 he was
      worried by a bad flu. Then he decided that his relationship with music had
      to become even more intimate. In his peaceful home in downtowm Milan,
      always the same, happily open to the people close to him, he only listened
      to his favourite composers through his inner ear, reading the scores. He
      found in the written page - he was always surprised by the clarity of
      Mozart's autographs - a perfection that any performance, any gesture would
      risk corrupting. Thus the quality of his presence still existed, was kept
      alive, radiated an exemplary show of love for the art he had always served.

      _________________________________________________

      La scomparsa del grande direttore d'orchestra, a 91 anni
      GIULINI, IL SERVO SUBLIME
      Una lezione di eleganza e rigore, la capacità di dire no

      16 giugno 2005

      di Sandro Cappelletto

      Lo ripeteva sempre e ne era convinto: sono anzitutto un servo. Servo di
      quei geni che hanno creato la musica che ora stiamo facendo assieme, con un
      atto d'amore, voi in orchestra e io con voi dal podio. Che mistero: «Il
      direttore è l'unico musicista a non imbracciare uno strumento, eppure...».
      Eppure, questa sua misura, fatta di inflessibile, naturale eleganza e di
      una rara percezione della totalità dell'opera nella continuità del suo
      divenire, trasformava la dichiarata sottomissione in protagonismo.
      Nell'evidenza di un carisma gentile e forte, indimenticabile.
      Il maestro Carlo Maria Giulini è scomparso ieri mattina, a Brescia, dove
      era ricoverato da qualche tempo. Era nato a Barletta il 9 maggio 1914; sarà
      sepolto oggi a Bolzano, accanto alla moglie amatissima, che molto aveva
      sofferto. Domani il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino gli dedicherà la
      prima recita del Boris Godunov di Musorgskij.
      Quando, esattamente dieci anni fa, morì Arturo Benedetti Michelangeli,
      sulla prima pagina della Stampa Giulini scrisse un articolo che era in
      realtà una lettera: diceva al grande pianista quanto il reciproco pudore
      aveva impedito che venisse fuori prima; la sua ammirazione, il suo affetto,
      la gioia per i - pochi, rimpiangeva - concerti suonati assieme, il
      rimprovero a se stesso per non aver insistito di più, allora. Era un
      ritratto esemplare, di lui e di sé, perché in questi due immensi
      interpreti-creatori viveva la stessa nobiltà verso il proprio mestiere. Il
      rigore dello studio, il prevalere dell'essere sull'apparire musicista, la
      capacità di dire di no.
      Quante volte Giulini aveva saputo dirlo, e definitivamente negli Anni
      Settanta all'opera lirica, quando le mutate condizioni produttive - la
      maggiore fretta, i troppi impegni dei cantanti - avevano reso rischioso
      raggiungere la qualità indispensabile. Tra fare male e non fare, il rigore
      d'artista non ammetteva tentennamenti. Sapeva sottrarsi, rifiutare: questa
      sua attitudine rimane necessaria. La mondanità gli appariva ridicola, penosa.
      A Roma, al Conservatorio di Santa Cecilia, studia viola e composizione;
      suona diretto anche da Otto Klemperer e Bruno Walter, poi approfondisce la
      direzione d'orchestra con Bernardino Molinari; viene salvato dalla
      deportazione in Germania da un ufficiale tedesco che amava la musica. Dopo
      la guerra, è direttore principale dell'Orchestra Sinfonica di Milano della
      Rai e nel 1948, a Bergamo, affronta Traviata: Toscanini lo apprezza e tre
      anni dopo debutta alla Scala con La vida breve di Manuel De Falla,
      diventando assistente di Victor de Sabata. Fa bene al cuore ricordare, in
      questo momento di fatica del teatro milanese, i grandi maestri che lo hanno
      guidato e servito in passato.
      Giulini non era esattamente un convinto sostenitore della qualità del
      Novecento musicale: amava mettere dei paletti temporali piuttosto precisi,
      e non sempre volentieri si spingeva oltre le colonne d'Ercole di Brahms.
      Questo non gli ha impedito di battezzare, tra altri titoli, il Concerto
      dell'Albatro di Giorgio Federico Ghedini, l'Ottavo Concerto di Goffredo
      Petrassi, il Poema di Boris Blacher. Era feroce contro i gratuiti eccessi
      di libertà di alcuni registi, ma negli Anni Cinquanta è lui sul podio del
      Covent Garden di Londra per il Don Carlos di Luchino Visconti, prima di
      lavorare assieme a Franco Zeffirelli per Falstaff, condividendo dunque le
      prime esperienze italiane di «teatro lirico di regia», capaci di pervenire
      a un equilibrio mirabile tra musica, canto, congrua efficacia dell'azione
      scenica. Nelle sue direzioni di Mozart questa misura diventa grazia.
      Il talento di Giulini viene compreso subito, in un'epoca che - più della
      nostra - sapeva concedere fiducia ai giovani, ne aveva bisogno, era meno
      prigioniera del fascino-ricatto dei talenti consolidati, ascoltati e
      riascoltati.
      Debutta al Maggio Musicale, dirige l'Orchestra Rai di Roma, la Philharmonia
      di Londra, inizia la lunga avventura statunitense, a Chicago e Los Angeles,
      interrotta da una breve parentesi viennese. Assidua la presenza con la
      Filarmonica della Scala.
      Ama insegnare, prima all'Accademia Chigiana di Siena, poi accettando
      l'invito di Piero Farulli - come lui violista - alla Scuola di Musica di
      Fiesole, dove la cattedra di direzione d'orchestra porta, e per sempre, il
      suo nome. Manda ad allievi e orchestrali le partiture con le sue
      annotazioni, è precisissimo negli orari, attento, severamente gentile se un
      attacco non lo convince, se un fraseggio gli appare tirato via; si rivolge
      ai ragazzi dando del «loro»: «Possono per cortesia riprendere da
      battuta...». Non vola una mosca, tutti comprendono il dono che la
      generosità del maestro sta elargendo e lui si diverte per quella platicità,
      quella disponibilità che i giovani musicisti possiedono talvolta più dei
      loro colleghi maturi.
      Alto, magro, elegante nelle giacche ben tagliate, nel cappotto di cashmere,
      prima della lezione domenicale ascolta alla radio le partite di calcio: si
      accendeva di passione per la Vecchia Signora.
      Aveva smesso da qualche anno di dirigere in pubblico; nella primavera del
      2003 una brutta influenza lo fa preoccupare. Allora, decide che il suo
      rapporto con la musica deve diventare ancora più intimo. Nella quiete della
      sua casa al centro di Milano, sempre quella, volentieri aperta alle persone
      che gli volevano bene, ascolta gli autori prediletti soltanto leggendo le
      partiture, con l'orecchio interiore. Trova nella pagina scritta - era
      sempre stupito dal nitore della scrittura autografa mozartiana - una
      perfezione che ogni esecuzione, ogni gesto, rischiano di corrompere. La
      qualità della sua presenza continuava così a esistere, rimanendo viva,
      irradiando un'esemplare dimostrazione di amore per l'arte che ha sempre
      servito.



      -------------------------------------------------------------------------
      * POSTED to furt-l - the Furtwangler Mailing List
      * Send new posts to furt-l@...
      * To unsubscribe, go to http:// www.thump.org/furtl.html
      * Archives at: http://www.findmail.com/list/furt-l/
      --------------------------------------------------------------------------
    Your message has been successfully submitted and would be delivered to recipients shortly.